Codegeass Wiki
Advertisement

È una monarchia assoluta, dove tutto il potere è nelle mani dell’imperatore. L’ideologia di stato è il Darwinismo sociale (in sostanza la legge del più forte).

L’impero è suddiviso in aree (circa 24) e gli abitanti di ogni area (tranne i Britanni, ovviamente) sono rinominati numbers (ad esempio i Giapponesi dopo la conquista vengono ribattezzati eleven). La capitale imperiale è Pendragon (corrispondente a Phoenix, in Arizona), almeno fino alla sua distruzione.  

In politica interna l’impero porta avanti una politica discriminatoria nei confronti dei numbers (simile all’Aparheid in Sudafrica) anche se questi ultimi possono diventare britanni onorari.

In politica estera invece conduce una campagna espansionistica che lo porterà alla conquista del Giappone, del Medio Oriente e di vasti territori in Africa, Siberia e Russia, strappati a Euro Universe. Scopo di tale espansione è individuare gli elevatori di pensiero, siti archeologici costruiti in varie parti del mondo indefiniti secoli prima dal culto del Geass per attivare la connessione Ragnarok. L’imperatore di Britannia è Charles (il 98°), almeno fino alla fine della R2. Segue poi il breve regno del figlio Lelouch (99°) e infine di Nunnaly.  

Storia[]

Età antica[]

Il primo regno di Britannia nacque nel I secolo avanti Cristo, per opera del condottiero celtico Eowyn, che riuscì a farsi eleggere re dei britanni dai vari capi-tribù (tradizionalmente gelosi della loro indipendenza) e a respingere le incursioni di Giulio Cesare sull’isola. Nel corso dei secoli successivi i britanni avrebbero mantenuta intatta la loro indipendenza, respingendo l’invasione romana del 43 dopo Cristo.

Medioevo[]

In un momento imprecisato, nei pressi del sito megalitico di Stonehenge, venne scoperta la Sakuradite, un minerale (inizialmente chiamata pietra filosofale) che in futuro diventerà la principale risorsa energetica globale. In una puntata di Akito viene menzionata la guerra dei 100 anni e la figura storica di Giovanna d’Arco.  

XVII secolo[]

Alla morte di Elisabetta I divenne re non James Stuart ma il figlio di lei Henry, che prese il titolo di Enrico IX. Egli assicurò la continuità della dinastia Tudor, bloccando l’ascesa della dinastia Stuart.

Ribellione di Washington e guerre napoleoniche []

Negli anni ’70 del XVIII secolo le colonie inglesi del Nord America si ribellarono al dominio della madrepatria, ma la loro rivolta fu stroncata nel sangue (battaglia decisiva a Yorktown nel 1781, dove il comandante dell’esercito continentale George Washington perse la vita). Sul fallimento della rivolta pesò il tradimento dell’inventore e statista Benjamin Franklin, che avrebbe dovuto convincere la Francia di Luigi XVI a sostenere i patrioti, cosa che non fece, in quanto corrotto dai lealisti con la promessa di un titolo nobiliare.  Successivamente la rivoluzione francese e le conseguenti guerre rivoluzionarie/napoleoniche incendiarono l’Europa: l’Inghilterra, insieme ad altri stati (Spagna, Portogallo, Olanda ecc.) cercarono di schiacciare la Francia rivoluzionaria, ma Napoleone Bonaparte, genio militare di origini corse poi divenuto imperatore, sconfisse i nemici della patria sia in terra che sul mare, compresa la disastrosa (per gli inglesi) battaglia di Trafalgar del 1805, dove la flotta francese sbaragliò la Royal Navy. In tal modo la Francia diede vita a un vasto impero europeo.  

Umiliazione di Edimburgo,  esilio nel nuovo mondo e nascita del Sacro Impero di Britannia. []

Nel 1807 Napoleone sferrò una invasione su larga scala delle isole britanniche. La regina Elisabetta III, rifugiatasi a Edimburgo, fu catturata da una milizia rivoluzionaria e imprigionata. Liberata dal suo amante Richard Von Britannia, fuggì oltre-atlantico insieme a lui e a varie famiglie nobili europee, che non accettavano il nuovo corso napoleonico. Alla sua morte Richard si auto-incoronò imperatore del Sacro Impero di Britannia, sostenuto dall'aristocrazia.  

Espansione e guerra civile[]

Nel corso del XIX secolo Britannia iniziò una fase di espansione che la porterà ad impadronirsi del Nuovo Mondo (cioè le Americhe), fase interrotta da una breve guerra civile e poi ripresa.    

Prima guerra del Pacifico[]

Negli anni ’40 del XX secolo Britannia combatté una guerra contro il Giappone per la supremazia sull’Oceano Pacifico. Tale conflitto terminò con la disfatta del Sol Levante, dove la monarchia fu abolita e rimpiazzata da una repubblica parlamentare.  

Guerre imperiali del XXI secolo[]

All’alba degli anni 2010 il mondo era diviso tra 6 nazioni indipendenti: Sacro Impero di Britannia, Euro Universe, Federazione del Medio Oriente, Federazione Cinese, Giappone e Australia. Tale ordine globale fu stravolto dalle guerre di conquista volute dall'imperatore Charles Zi Britannia, che portarono all'annessione del Giappone,  della FMO e di vasti territori in Europa e Africa, oltre alla dissoluzione di Euro Universe e alla creazione dello stato-fantoccio di Euro-Britannia. Il prossimo passo avrebbe dovuto essere l’unione dinastica tra Britannia e Federazione Cinese, sancita dal matrimonio tra il principe britanno Odysseus e la giovanissima imperatrice cinese Tianzi (iniziativa del secondo principe Schneizel e dei grandi eunuchi, veri detentori del potere nel celeste impero, che avrebbero ricevuto un titolo nobiliare di Britannia). Tale progetto naufragò a causa dell’intervento dell’ordine dei Cavalieri Neri e di alcuni militari golpisti ostili alle nozze, che riuscirono a far scoppiare una rivolta in tutta la Federazione contro l’oligarchia al potere. Dopo la nascita dell’Alleanza degli Stati Uniti, l’impero britanno si preparò alla battaglia, rafforzando le difese nell’Area 11, alias in Giappone, di cui l’ASU si era proposta la liberazione. In seguito alla distruzione di Tokyo causata dalla FLEIJA, Britannia e ASU siglarono un armistizio. Un mese dopo Lelouch vi Britannia, uno dei figli dell’imperatore Charles, fece la sua comparsa a Pendragon, assumendo il trono imperiale e nominando il giovane britanno onorario Suzaku Kururugi suo cavaliere personale col titolo di Knight of Zero. Il giovane sovrano riformò radicalmente l’impero, abolendo l’aristocrazia e il sistema dei numbers, discriminatorio nei confronti degli abitanti delle aree coloniali dell’impero. Dopo aver represso la ribellione di alcuni Knight of rounds ribelli capitanati da Bismarck Waldstein, egli domandò l’adesione di Britannia all’ASU. Si tratta in realtà di un pretesto per sferrare un attacco a sorpresa contro l’Alleanza. Iniziò così una guerra lampo tra Britannia e l’ASU che si concluse con la vittoria della prima e la conquista del mondo intero da parte di Lelouch, il primo sovrano nella storia umana a governate l’intero globo terracqueo, cosa che nessun condottiero prima di lui era riuscito a fare. Tuttavia, mentre celebrava il suo trionfo a Tokyo (ricostruita), venne assassinato dal rivoluzionario Zero. Dopo poco la giovane Nunnally assunse il trono imperiale, che detiene tuttora.  

Advertisement